Parliamo con Joachim Hilbrand, CEO di SIMStation, azienda viennese specializzata in sistemi di registrazione AV e debriefing. Abbiamo discusso di barriere, sfide e opportunità per lo sviluppo e la crescita della simulazione sanitaria.

Contenuto scritto in collaborazione con SIMStation

Il verde √® il colore della natura e della salute, porta un messaggio di freschezza e speranza. Pertanto, non √® un caso che sia stato scelto come colore del marchio da uno dei player pi√Ļ innovativi nel settore della simulazione. Il loro caratteristico design aziendale verde pu√≤ essere individuato nella maggior parte dei congressi internazionali ed √® sinonimo di tecnologia di alta qualit√† e approccio lungimirante. S√¨, stiamo parlando di SIMStation. SIMStation √® una societ√† con sede a Vienna specializzata nella creazione di sistemi di registrazione e debriefing di fascia alta. La combinazione di hardware premium e software innovativo supporta il settore sanitario in tutto il mondo nel raggiungimento di un obiettivo essenziale: una migliore simulazione. Quindi, era solo una questione di tempo prima di contattare SIMStation per capire come sono riusciti a sviluppare uno dei sistemi AV pi√Ļ potenti ed efficaci sul mercato. Joachim Hilbrand, uno dei tre fondatori di SIMStation e CEO dell’azienda, ha accettato di essere simzinato!

Ciao Joachim, grazie per aver accettato di condividere un po’ di tempo e pensieri con noi. Perch√© lavori nella simulazione sanitaria?

Sono entrato in questo settore per caso 15 anni fa, quando gestivo una societ√† di sviluppo web, ed √® stata la cosa migliore che potesse capitarmi. Sviluppare software innovativo √® sempre divertente, ma non appena ho capito quanto fosse significativo e d’impatto lavorare nella simulazione sanitaria, ho capito che non avrei mai voluto fare nient’altro!

SIMStation √® un’azienda austriaca e ora un player globale. Guardando il mercato dei sistemi di simulazione basati su AV, quando hai iniziato non sembrava esserci spazio per nuove aziende. Cosa ti ha fatto pensare che ci fosse un’opportunit√†?

√ą stato subito chiaro dopo alcune conversazioni con gli utenti finali dei sistemi di simulazione AV che c’era una grande lacuna nel mercato. La maggior parte dei clienti si √® lamentata del fatto che i loro costosi sistemi mancassero di usabilit√†, ammesso che funzionassero. La necessit√† di sistemi di registrazione e debriefing di alta qualit√† era decisamente presente. Inoltre, il nostro rischio era gestibile perch√© noi, i fondatori di SIMStation, avevamo gi√† aziende nel campo dell’hardware e del software AV, e qualcosa come SIMStation era solo il risultato della nostra esperienza combinata, un prodotto che potevamo creare con l’aiuto dei nostri team esistenti.

In pochi anni hai costruito una serie di partnership con centri di simulazione ad alte prestazioni. Come hai conquistato la loro fiducia e li hai aggiunti al portafoglio del marchio?

Abbiamo adottato un approccio di sviluppo incentrato sul cliente sin dal primo giorno. Abbiamo visitato decine di ospedali e centri di simulazione con il prototipo del primo sistema SIMStation, raccogliendo feedback e implementando continuamente i miglioramenti. Durante questo periodo, non solo si sono formate partnership commerciali, ma anche molte amicizie. E poich√© gli amici vogliono essere aiutati, l’attenzione al cliente √® diventata una seconda natura in SIMStation. Siamo dalla stessa parte dei nostri clienti, lottiamo insieme ogni giorno per garantire loro le migliori opportunit√† di gestire le operazioni di formazione nel miglior modo possibile.

Come ritieni che la simulazione nel settore sanitario si sia evoluta negli ultimi anni?

Ad essere onesti, ho sentimenti contrastanti al riguardo. Da un lato, √® bello vedere come la simulazione stia diventando sempre pi√Ļ consolidata. Soprattutto nelle aree dell’assistenza infermieristica e dei servizi di emergenza sanitaria, sono successe molte cose! D’altra parte, ho l’impressione che la simulazione clinica non stia crescendo troppo. Alcuni anni fa, pensavo che ci sarebbe voluto solo poco tempo prima che i centri di simulazione si integrassero davvero nel processo di miglioramento della qualit√† di un ospedale. Ma oggi √® ancora troppo raramente cos√¨. Nella gestione della qualit√† clinica, dovrebbe esserci un ciclo: se vengono identificati dei punti deboli, dovrebbero essere addestrati durante la simulazione e quindi misurati di nuovo per vedere se i risultati sono migliorati.

Penso che uno dei motivi sia che la simulazione clinica si definisce ancora troppo come una specialit√† di nicchia. Secondo me inizia tutto con il termine “simulazione”. La maggior parte delle persone al di fuori del nostro settore pensa alla simulazione come a qualcosa di molto specializzato e complicato, come la simulazione al computer di processi troppo complessi per essere compresi senza il calcolo di modelli di dati. Mentre la simulazione sanitaria, il nostro campo di attivit√†, non √® scienza missilistica ma uno strumento molto semplice ma efficace per l’istruzione e la formazione. L’interpretazione fuorviante del termine “simulazione” mi √® diventata chiara una volta durante una conversazione con un amministratore delegato di un importante ospedale pediatrico statunitense. Mi ha detto che per molti anni ha camminato davanti alla porta etichettata “centro di simulazione” nel suo edificio e ha pensato tra s√©: ¬ęPreferirei non sapere cosa ci fanno l√† dentro!¬Ľ E perch√© lo pensava? Perch√© sospettava qualcosa di costoso e poco rilevante per le sue operazioni ospedaliere quotidiane!

In generale, mi piacerebbe vedere l’industria della simulazione meno isolata, ma sotto l’ombrello della molto pi√Ļ ampia industria dell'”istruzione e formazione medica”, alla quale di fatto appartiene. Quanto sarebbe bello se ci fosse un grande convegno sulla formazione e l’istruzione sanitaria e la simulazione fosse presentata l√¨ in una sala come un entusiasmante strumento educativo? Su una tale scala, anche i grandi responsabili delle decisioni e le aziende che devono ancora prestare alla simulazione l’attenzione che merita se ne renderebbero conto.

Quali pensi che saranno i principali problemi di sviluppo nel settore della simulazione nei prossimi anni? Quali sono i bisogni insoddisfatti oggi?

Il mio problema principale √® che gli standard per l’interoperabilit√† devono finalmente essere stabiliti nel settore. Se non c’√® alcuna possibilit√† per lo scambio di dati tra dispositivi o applicazioni di diversi produttori, questo √® un grosso ostacolo al progresso. E se gli stessi scenari professionali potessero essere condivisi ed eseguiti in ogni centro di simulazione del mondo? Se ogni simulatore dei diversi produttori potesse essere controllato da un software di controllo comune? Se i file di registro dei dispositivi, le liste di controllo, le annotazioni e i segnalibri, nonch√© i dati dei sensori potessero essere raccolti in un formato di file comune e intercambiabile? Quindi sarebbe finalmente possibile confrontare e condividere dati rilevanti attraverso istituzioni e confini, per acquisire conoscenze scientifiche rilevanti per il miglioramento della medicina. Tutto questo attraverso una collaborazione aperta e mondiale nella simulazione.

Nel mondo dei dispositivi medici reali la questione dei sistemi chiusi esisteva da decenni, ma l√¨ il problema √® stato riconosciuto e risolto. √ą stato implementato lo standard FHIR per lo scambio di dati, basato sull’iniziativa di standardizzazione HL7. Ma nella simulazione, che penso dovrebbe essere pioniera nel settore sanitario, non esistono ancora standard tecnici, interfacce aperte o protocolli comuni. Questo √® un grosso problema che riporta effettivamente il nostro settore indietro di anni e continuer√† a rallentarlo se non cambiamo. Ad esempio, a mia conoscenza, SIMStation √® l’unico prodotto del settore che offre un’API aperta, ma questa dovrebbe essere una caratteristica comune per qualsiasi software moderno. Tuttavia, temo che senza pressioni da parte dei clienti, molti fornitori affermati continueranno a basarsi sui propri sistemi proprietari. L’iniziativa per creare questi standard deve venire dalle societ√† di simulazione. Non appena il rispetto di uno standard di interoperabilit√† sar√† una condizione per l’approvvigionamento, ci vorranno solo pochi mesi perch√© tutti i produttori lo seguano.

SIMU Рthe simulation center of the Medical faculty of Masaryk University, Brno.
The simulation center was supported by the European Structural and Investment Funds and Ministry of Education, Youth and Sports.

A quale aspetto presti maggiore attenzione quando sviluppi le tue soluzioni di sistema AV?

Abbiamo un approccio senza compromessi alla qualit√†. Affidabilit√† grazie all’alta qualit√†. Questo vale sia per il software che per l’hardware corrispondente. Rispetto ai concorrenti, investiamo sicuramente di pi√Ļ in sviluppo, test, gestione della qualit√† e supporto e meno nelle vendite.

Qual √® la parte pi√Ļ difficile del tuo lavoro?

SIMStation sta crescendo rapidamente e assumiamo nuovi dipendenti ogni poche settimane. Trovare le persone giuste e assicurarsi che tutti ottengano il lavoro giusto nella squadra giusta è una vera sfida.

Quali sono i mercati in crescita di SIMStation?

Siamo diventati in pochi anni leader di mercato in Europa e i nostri sistemi sono presenti in tutto il mondo. Ma nel mercato pi√Ļ grande, il Nord America, siamo ancora una specie di segreto per gli addetti ai lavori. A questo proposito, al momento abbiamo grandi progetti: abbiamo fondato la nostra societ√† SIMStation con sede negli Stati Uniti che operer√† dall’inizio del 2023 con il proprio team di ingegneri e consulenti. Tempi molto emozionanti per la nostra azienda!

Che consiglio daresti agli imprenditori che iniziano con la simulazione?

Ci sono molte opportunit√† nella simulazione ed √® un settore straordinario: consiglio vivamente l’attivit√† di simulazione a chiunque. Quello che devi tenere a mente come imprenditore √® che il gruppo di clienti √® relativamente piccolo. L’aspetto positivo √® che √® facile raggiungere i clienti e, se si dispone di un buon prodotto, la voce si diffonde rapidamente nella scena ben collegata. La parte difficile √® che il mercato locale non √® mai abbastanza. Quindi, devi anche pensare geograficamente in grande se vuoi davvero affermarti in questo settore.

Thanks Joachim! Buona fortuna per i tuoi impegni futuri!

LEGGI ANCHE

Author