Shop

Ridurre le criticità per la sicurezza dei pazienti attraverso la formazione con simulazione

Beth Hallmark
Cite Ridurre le criticità per la sicurezza dei pazienti attraverso la formazione con simulazione icon
Share Ridurre le criticità per la sicurezza dei pazienti attraverso la formazione con simulazione icon
$title

In questo ultimo articolo dell’INACSL, viene discusso il ruolo fondamentale della formazione mediante simulazione nel rafforzare la sicurezza dei pazienti. In un contesto di crescente preoccupazione per gli errori in ambito sanitario, la simulazione rappresenta un approccio dinamico per gli operatori sanitari, che possono affinare le proprie competenze in un ambiente privo di rischi. Dalle abilità psicomotorie alla comunicazione interprofessionale, questo articolo fa luce su come la simulazione aiuti a identificare e affrontare i problemi di sicurezza dei pazienti, utilizzando vari metodi come manichini, realtà virtuale e pazienti standardizzati.

In collaborazione esclusiva con

Esiste una grande quantità di prove sulla sicurezza dei pazienti e sui migliori approcci per ridurre gli errori nell’ambiente sanitario. Siamo entusiasti di fornire alcune informazioni su come e perché utilizzare la simulazione per identificare e migliorare la sicurezza dei pazienti. L’educazione alla simulazione è emersa come uno strumento potente, che migliora la sicurezza dei pazienti fornendo un ambiente sicuro e controllato per gli operatori sanitari per esercitarsi e migliorare le proprie competenze. La simulazione può spaziare dall’addestramento alle abilità psicomotorie a complesse simulazioni di comunicazione e collaborazione interprofessionale. Utilizzando manichini, casi di pazienti virtuali, realtà estesa (XR) o pazienti standardizzati, sia nei centri di formazione che in loco, gli operatori sanitari possono esercitarsi in procedure, processi decisionali critici e capacità di comunicazione in un ambiente sicuro e controllato.

Passi per mitigare i problemi di sicurezza dei pazienti 

I fattori umani, i fattori organizzativi e di sistema, le interruzioni della comunicazione e le reazioni dei singoli pazienti creano un ambiente in cui la qualità e la sicurezza dell’assistenza ai pazienti devono rimanere in primo piano nella mente degli operatori sanitari. Un quarto di secolo dopo il rapporto sentinella To Err is Human (Kohn et al.), gli errori di medicazione e le infezioni associate all’assistenza sanitaria, ad esempio, continuano a essere le principali cause di danno a livello mondiale. (World Health Organization, 2023) I pre-brief, le simulazioni e i debrief ben progettati sono una strategia per formare i discenti in termini di conoscenze, abilità e atteggiamenti per evitare danni prevenibili.

Tenendo conto del risultato, le simulazioni devono essere progettate in modo da consentire la prova delle abilità necessarie per promuovere la sicurezza del paziente. Al di là degli aspetti tecnici delle competenze, mettere i discenti in condizione di contribuire con la loro esperienza come membri di un team forte è essenziale per ottenere buoni risultati per i pazienti. Gli studenti devono essere immersi in scenari che consentano loro di provare a parlare quando qualcosa non sembra corretto o viene trascurato. I sistemi e le organizzazioni devono utilizzare le simulazioni per formare una cultura di ambienti di lavoro psicologicamente sicuri, invitando ogni professionista a condividere le proprie competenze e a usare la propria voce per fornire un’assistenza sicura di altissima qualità, indipendentemente dalla gerarchia. 

Nella progettazione della simulazione, è importante riconoscere che chiedere aiuto e cercare chiarimenti deve essere visto come un segno di assistenza sicura e di qualità e non di debolezza. I simulazionisti possono creare una scatola nera con nastro adesivo sul pavimento per fornire una “scatola sicura” in cui il discente può entrare quando non sa come procedere. Possono chiedere la consultazione di altri colleghi per determinare la loro prossima linea d’azione, consentendo di esercitarsi a conoscere ciò che non si sa e a capire come chiedere aiuto. Se le simulazioni sono progettate senza la possibilità di chiedere aiuto, il discente può pensare che sia giusto andare avanti anche quando è incerto. Questa incertezza può portare a un danno al paziente e a un disagio morale che porta gli operatori qualificati a lasciare la loro professione. 

L’attenzione alla sicurezza del paziente continua a essere fondamentale per i simulazionisti. La sfida di una forza lavoro adeguata in tutte le professioni sanitarie si sta aggravando. La progettazione e l’implementazione deliberata di simulazioni di alta qualità sono oggi più che mai essenziali.

Sviluppare simulazioni di alta qualità: 

Per sviluppare simulazioni di alta qualità, i simulazionisti devono conoscere gli Healthcare Simulation Standard of Best Practice™ (HSSOBP). Ogni standard fornisce al simulazionista gli strumenti necessari per sviluppare eventi di simulazione di grande impatto. L’HSSOBP™ Sim Design (INACSL Standards Committee, et al., 2021) delinea un processo per lo sviluppo di esperienze di simulazione per il discente che forniscano questo tipo di esperienza.  Il simulazionista deve familiarizzare con le migliori pratiche di simulazione, collaborando con esperti di contenuti e colleghi interprofessionali. La conoscenza della simulazione e delle pratiche educative, come la progettazione di obiettivi misurabili e l’allineamento della modalità per il discente e lo scenario, sono fondamentali. Ogni scenario deve includere il contesto per il discente ed essere simile alle esperienze della vita reale. Una componente chiave della simulazione è la progettazione di un prebriefing che comprenda il lavoro preliminare, l’orientamento all’ambiente di simulazione, la comunicazione dei metodi di valutazione, la spiegazione dei ruoli e delle responsabilità di ogni partecipante (compresi i facilitatori) e la creazione di un ambiente di fiducia.  Altrettanto importante è la progettazione del debriefing.  I facilitatori alle prime armi possono sviluppare un copione che li aiuti nel debriefing.  Basarsi sugli obiettivi dello scenario può aiutare a identificare i problemi di sicurezza del paziente. L’utilizzo di un quadro di riferimento basato sull’evidenza per guidare il debriefing fornisce una struttura e consente una riflessione approfondita.  I quadri di riferimento sono un modo per progettare la discussione in modo da fornire il miglior apprendimento e quindi avere un impatto sulla sicurezza del paziente. Infine, è essenziale che i facilitatori siano competenti e preparati a progettare e realizzare le simulazioni.  Ciò include la formazione e la valutazione del facilitatore nell’intero processo, dalla fase di valutazione dei bisogni al debriefing.

La valutazione di un programma di simulazione progettato per mitigare la sicurezza del paziente può avere un aspetto diverso nel mondo accademico e nella pratica, ma ci sono temi che sono fondamentali per garantire che stiamo formando i nostri studenti a fornire cure sicure ai pazienti.  Tali aree sono il miglioramento delle competenze, comprese le procedure, il processo decisionale, l’accuratezza diagnostica e la gestione dei farmaci.  Il lavoro di squadra e la comunicazione possono essere esaminati in eventi di simulazione pre e post, compresa la valutazione dei professionisti nell’ambiente di pratica reale.  Un’altra area di valutazione delle competenze può essere la collaborazione con la gestione del rischio per monitorare i tassi di infezione, le cadute e l’aderenza ai protocolli. 

I programmi di simulazione dovrebbero anche prendere in considerazione il feedback dei discenti, dei docenti, del personale e persino dei pazienti standardizzati.  Il feedback fornisce aree di miglioramento e può anche avere un impatto sulla sicurezza del paziente quando i programmi migliorano. Dovremmo valutare in che modo la simulazione ha preparato il discente al passaggio alla pratica e, per coloro che sono già nella pratica clinica, in che modo la simulazione ha migliorato la loro attuale assistenza.

Infine, i programmi di simulazione dovrebbero considerare il rapporto costi-benefici in relazione agli esiti sui pazienti e alla preparazione degli studenti in ambito accademico, alla reputazione dei discenti nella comunità e alla soddisfazione degli studenti. Ogni anno si dovrebbe monitorare l’efficienza operativa, compresi il budget, il personale, la scalabilità e la sostenibilità.

Valutando a fondo questi aspetti, le istituzioni sanitarie possono misurare l’efficacia del loro programma di simulazione nel migliorare la sicurezza dei pazienti, nel potenziare i risultati clinici e nel contribuire alla qualità complessiva delle cure fornite ai pazienti. I dati raccolti attraverso questo processo di valutazione possono anche essere utilizzati per prendere decisioni informate riguardo al perfezionamento e all’espansione del programma di simulazione per affrontare ulteriormente i problemi di sicurezza dei pazienti.

Fonti:

Dreifuerst, K. T. (2015). Getting started with debriefing for meaningful learning. Clinical Simulation in Nursing, 11 (5), 268-275. 

Eppich, W., & Cheng, A. (2015). Promoting Excellence and Reflective Learning in Simulation (PEARLS): development and rationale for a blended approach to health care simulation debriefing. Simulation in Healthcare, 10 (2), 106-115.

INACSL Standards Committee, Watts, P.I., McDermott, D.S., Alinier, G., Charnetski, M., & Nawathe, P.A. (2021, September). Healthcare Simulation Standards of Best Practice TM Simulation Design. Clinical Simulation in Nursing, 58, 14-21. https://doi.org/10.1016/j.ecns.2021.08.009.

Kohn KT, Corrigan JM, Donaldson MS, eds. (1999). To Err is Human Washington, DC: Committee on Quality Health Care in America, Institute of Medicine: National Academy Press.

Rudolph, J. W., Simon, R. , Dufresne, R. L. , & Raemer, D. B. (2006). There’s no such thing as “nonjudgmental” debriefing: a theory and method for debriefing with good judgment. Simulation in Healthcare, 1 (1), 49-55.

World Health Organization, 1, September 2023

LEGGI ANCHE

Beth Hallmark
Author

Beth Hallmark

PhD, RN, MSN, CHSE-A, ANEF Associate Professor, Inman College of Nursing Director of Education, Belmont Simulation Center View all Posts
Carol Durham
Author

Carol Durham

EdD, RN, ANEF, FAAN, FSSH Professor Director, Education-Innovation-Simulation Learning Environment (EISLE) UNC School of Nursing View all Posts

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter

Tutte le notizie SIM, direttamente sulla tua email.
Ricevi mensilmente le migliori ricerche, innovazioni e storie sulla simulazione sanitaria

Join our newsletter