Shop

La veterinaria diventa virtuale!

Nina De Franco
Cite La veterinaria diventa virtuale! icon
Share La veterinaria diventa virtuale! icon
$title

La realtà virtuale sta trasformando anche la simulazione veterinaria. Attraverso un addestramento immersivo e ripetitivo, l’apprendimento basato sulla simulazione prepara gli studenti al successo nella pratica clinica. Questo approccio innovativo non solo approfondisce la comprensione ma favorisce anche le connessioni emotive, stabilendo nuovi standard nella formazione veterinaria. Grazie alla sua esperienza nella formazione infermieristica veterinaria, Nina De Franco, responsabile regionale degli studi veterinari presso il College of Animal Welfare del Regno Unito, ci offre una panoramica completa delle basi teoriche e delle applicazioni pratiche della VR nella formazione dei nuovi veterinari.

DOI: https://doi.org/10.69079/simzine.H24.n14.0004

Introduzione alla simulazione veterinaria nella didattica

La Realtà Virtuale (VR) nel settore veterinario è uno sviluppo relativamente recente, nonostante le cuffie VR siano state messe in commercio per la prima volta negli anni ’90. Il primo sistema virtuale in medicina, tuttavia, è stato introdotto solo nel 1965 da Robert Mann, per facilitare un nuovo ambiente di formazione per i chirurghi ortopedici, consentendo loro di provare virtualmente diverse operazioni su pazienti specifici. 

L’uso della VR nella formazione medica si è intensificato solo negli ultimi anni. Il College of Animal Welfare è il primo istituto di formazione per infermieri veterinari a sviluppare e utilizzare la VR nei propri corsi. L’organizzazione si impegna ad arricchire l’esperienza di apprendimento degli studenti offrendo loro opportunità immersive accanto ai metodi di insegnamento tradizionali. La VR ci ha aperto una pletora di possibilità.

Il ruolo della VR nella simulazione veterinaria per lo sviluppo delle competenze cliniche

Uno dei notevoli vantaggi della VR è la sua capacità di creare simulazioni e scenari realistici che sarebbe difficile, costoso o addirittura pericoloso replicare nel mondo reale. La VR in Infermieristica Veterinaria permette di creare un ambiente sicuro in cui gli studenti possono acquisire fiducia nelle abilità quotidiane associate al ruolo lavorativo e praticare queste abilità senza alcun impatto negativo sugli animali, sui clienti o su altri fattori esterni. La VR permette agli studenti di sviluppare competenze cliniche in un ambiente sicuro, sia per i pazienti che per gli studenti! Possono commettere gli errori necessari per sbagliare e imparare da essi. Le abilità motorie e l’apprendimento cinestesico, necessari per sviluppare la memoria e la ritenzione di tali abilità, possono essere intrapresi e fruiti a piacimento dallo studente. 

Per fornire un contesto, i nostri studenti di infermieristica veterinaria intraprendono una formazione “on the job”, completando il loro corso mentre lavorano in uno studio di formazione per infermieri veterinari, sia in un ambulatorio veterinario generale per piccoli animali che in un ospedale di riferimento. Ricevono una formazione teorica e pratica all’interno del campus e online, mentre l’esperienza pratica viene acquisita durante i tirocini.

Oltre alla qualifica in Infermieristica Veterinaria, i nostri studenti ottengono anche l’iscrizione all’albo professionale del Royal College of Veterinary Surgeons (RVCS). Per poter accedere al registro, la nostra qualifica deve includere l’insegnamento e la valutazione delle competenze del primo giorno (RCVS, 2022). L’elenco delle competenze del primo giorno è un punto di riferimento normativo delle competenze cliniche essenziali, sviluppato e rivisto dall’RCVS, basato sulle competenze del primo giorno dell’RCVS per l’infermieristica veterinaria.

La simulazione veterinaria e il percorso verso la competenza: Capire gli OSCE

L’esame clinico strutturato oggettivo (OSCE) è stato descritto per la prima volta da Harden nel 1975 come un’alternativa ai metodi esistenti per valutare le prestazioni cliniche (Harden et al. 1975). 

L’OSCE è stato concepito per migliorare la validità e l’affidabilità della valutazione delle prestazioni, che in precedenza venivano valutate con l’esame del caso lungo e del caso breve. Da allora, l’uso dell’OSCE si è diffuso sia nell’ambito della formazione clinica universitaria che in quella post-laurea, in settori quali medicina, infermieristica, veterinaria, odontoiatria e assistenza sociale, solo per citarne alcuni. 

In una valutazione OSCE, gli studenti ruotano intorno a una serie di postazioni e di solito hanno un periodo di tempo prestabilito per svolgere un compito che varia da postazione a postazione. Ad esempio, si può trattare di abilità comunicative, pratica in sala operatoria, anestesia, radiografia, assistenza infermieristica o laboratorio. 

Per visualizzare un OSCE (figura 2), noterai che si tratta di una valutazione in stile “casella da spuntare” in cui gli studenti lavorano attraverso il compito, coprendo i passaggi chiave entro un periodo di tempo prestabilito. La rilevanza e la qualità dell’approccio di un OSCE è un punto di ricerca tangenziale, tuttavia, per il momento, queste sono le valutazioni che il nostro ente normativo sostiene e incoraggia. 

Per ottenere buoni risultati negli OSCE, gli studenti devono diventare competenti in un’abilità. E gli studenti devono passare attraverso una serie di fasi prima di diventare competenti in un’abilità. Ci sono quattro livelli nell’acquisizione di un’abilità (vedi Fig. 3) 

  1. Inconsapevolmente incompetente
  2. Consapevolmente incompetente
  3. Consapevolmente competente
  4. Inconsciamente competente

I principianti inizieranno inizialmente come “inconsciamente incompetenti” (inconsapevoli delle conoscenze e delle abilità necessarie per eseguire l’abilità in modo competente), passando attraverso gli stadi di competenza fino a raggiungere la fase di avere le conoscenze per eseguire l’abilità in modo competente senza pensarci – come guidare un’auto!

Dobbiamo aiutare i nostri studenti a diventare inconsapevolmente competenti nelle loro abilità cliniche. 

Fino a poco tempo fa l’approccio, probabilmente universale, alla preparazione dell’OSCE consisteva in sessioni nel laboratorio di competenze cliniche in cui si dimostravano i compiti agli studenti e si incorporava la ripetizione, la revisione tra pari e le valutazioni formative con feedback. L’attrezzatura necessaria per molte di queste abilità non è facilmente reperibile al di fuori del laboratorio o di uno studio veterinario e, di conseguenza, c’è sempre stata una barriera che ha impedito agli studenti di esercitarsi in queste abilità quando non erano all’università o in tirocinio. 

Migliorare i risultati dell’apprendimento con le pratiche di simulazione veterinaria ripetitive

Esiste una pletora di modelli e approcci diversi alla formazione delle competenze, ma ciò che è chiaro in tutti è un unico aspetto: la ripetizione! 

Il principio della ripetizione è semplice, ma per essere efficace richiede un alto grado di pazienza. Quando si applica il processo di ripetizione, gli stimoli appresi in questo modo vengono ricordati meglio e conservati più a lungo. La ripetizione di un compito ottimizza le prestazioni dell’abilità in quanto il cervello stesso forma nuovi percorsi (Zhan L, Guo D, Chen G et al, 2018).

La ripetizione distanziata è stata considerata un metodo di apprendimento efficace. La teoria è stata formulata partendo dal concetto di lasciare dei periodi di tempo tra un riapprendimento e l’altro (Vlach HA e Sandhofer CM, 2012). Un aspetto chiave di questa teoria è il suggerimento di aumentare gli intervalli di tempo tra una sessione di apprendimento e l’altra. Il concetto si basa sull’obiettivo di rivedere l’informazione/compito nella fase in cui il cervello sta per dimenticarlo. Questo fa sì che il cervello lavori di più per recuperare le informazioni rispetto a ripeterle quando sono fresche e facilmente richiamabili. In questo modo si costruisce una memoria forte dell’informazione/abilità.

Il grafico qui sotto (fig. 4) illustra il concetto di ripetizione distanziata, detta anche distribuzione dell’esercizio. Il grafico illustra come possiamo migliorare la memoria di un’informazione o di un’abilità attraverso una serie di sessioni ripetute a distanza di alcune ore, 1 giorno, 3 giorni, una settimana, 3 settimane e così via. 

Uno studio che ha analizzato gli effetti dell’esercizio distanziato sull’acquisizione e la conservazione delle abilità nella formazione medica ha rilevato che distanziare l’allenamento delle abilità facilita l’acquisizione, la conservazione a breve e a lungo termine e quindi un processo di apprendimento più efficiente per i tirocinanti. La conclusione è che i programmi di formazione nei corsi di medicina dovrebbero distribuire le sessioni di abilità cliniche su intervalli più lunghi (Spruit EN, Band GP e Hamming JF, 2015). 

La ripetizione è estremamente importante nell’ambito delle abilità cliniche e la necessità che gli studenti abbiano l’opportunità di ripetere le abilità apprese in un periodo di tempo diverso da quello in cui vengono insegnate. 

Grazie alla VR, i nostri studenti possono impegnarsi in un apprendimento pratico ed esperienziale, che consente loro di praticare abilità e tecniche in un ambiente sicuro e controllato; è come avere un laboratorio o una clinica virtuale a portata di mano.

È stato dimostrato che la VR consente un’immersione sensoriale più forte che favorisce un’elaborazione cognitiva e un apprendimento più elevati (Brugada-Ramentol V, Bozorgzadeh A e Jalali H. Enhance, 2022). Immergendo gli studenti nella materia, la VR facilita la conservazione delle conoscenze a lungo termine. L’integrazione della VR nel corso di infermieristica veterinaria è molto più che una semplice memorizzazione di fatti; si tratta di sperimentare e comprendere i concetti in modo realistico, applicato e coinvolgente.

Inoltre, studi recenti hanno dimostrato che la VR può favorire l’empatia e la connessione emotiva con la materia (Marques AJ et al, 2022). In campi come l’infermieristica veterinaria, in cui l’empatia è fondamentale, la VR permette ai nostri studenti di sviluppare una comprensione e un legame più profondi con gli animali con cui lavoreranno. È un’esperienza trasformativa che va oltre i libri di testo e le lezioni. 

In termini di accessibilità, abbracciando la VR nella formazione infermieristica veterinaria abbiamo abbattuto le barriere. Gli studenti sono ora in grado di accedere a tutte le attrezzature, come le macchine per i raggi X, le macchine per l’anestesia, le attrezzature di laboratorio e altro ancora, ovunque e in qualsiasi momento sia comodo per loro. Già solo questo può aiutare il concetto di “ripetere e conservare”: quando gli studenti non hanno accesso alle attrezzature necessarie, sono comunque in grado di esercitarsi, consolidando ulteriormente la memoria motoria delle competenze. 

Conclusioni: Il futuro dell’educazione infermieristica veterinaria attraverso la simulazione VR

In conclusione, l’integrazione della VR nell’istruzione offre un’opportunità trasformativa per rivoluzionare l’esperienza di apprendimento. Ci permette di offrire ai nostri studenti incontri didattici coinvolgenti, esperienziali e inclusivi. Sfruttando il potere della VR, possiamo mettere i nostri studenti in condizione di raggiungere il loro massimo potenziale e prepararli a una futura carriera di successo nel settore infermieristico veterinario.

Referenze

Akay, M. and Marsh, A. (2001) Information Technologies in medicine. New York: Wiley. 

Burgess, A., van Diggele, C., Roberts, C. et al. Tips for teaching procedural skills. BMC Med Educ 20 (Suppl 2), 458 (2020). https://doi.org/10.1186/s12909-020-02284-1

Brugada-Ramentol V, Bozorgzadeh A, Jalali H. Enhance VR: A Multisensory Approach to Cognitive Training and Monitoring. Front Digit Health. 2022 Jun 3;4:916052. doi: 10.3389/fdgth.2022.916052. PMID: 35721794; PMCID: PMC9203823.

CPD UK. (n.d.). Importance of Repetition in Learning. CPD UK. https://cpduk.co.uk/news/importance-of-repetition-in-learning#:~:text=Repetition%20sounds%20simple%20enough%2C%20but,the%20performance%20of%20the%20skill.

Harden RM, Stevenson M, Downie WW, Wilson GM. Assessment of clinical competence using objective structured examination. Br Med J. 1975 Feb 22;1(5955):447-51. doi: 10.1136/bmj.1.5955.447. PMID: 1115966; PMCID: PMC1672423.

Khan KZ, Ramachandran S, Gaunt K, Pushkar P. The Objective Structured Clinical Examination (OSCE): AMEE Guide No. 81. Part I: an historical and theoretical perspective. Med Teach. 2013 Sep;35(9):e1437-46.

Marques AJ, Gomes Veloso P, Araújo M, de Almeida RS, Correia A, Pereira J, Queiros C, Pimenta R, Pereira AS, Silva CF. Impact of a Virtual Reality-Based Simulation on Empathy and Attitudes Toward Schizophrenia. Front Psychol. 2022 May 4;13:814984. doi: 10.3389/fpsyg.2022.814984. PMID: 35602736; PMCID: PMC9116500.

Md Anwarul Azim Majumder, Alok Kumar, Kandamaran Krishnamurthy, Nkemcho Ojeh, Oswald Peter Adams & Bidyadhar Sa (2019) An evaluative study of objective structured clinical examination (OSCE): students and examiners perspectives, Advances in Medical Education and Practice, 10: 387-397

Pottle J. Virtual reality and the transformation of medical education. Future Healthc J. 2019 Oct;6(3):181-185.

Spruit EN, Band GP, Hamming JF. Increasing efficiency of surgical training: effects of spacing practice on skill acquisition and retention in laparoscopy training. Surg Endosc. 2015 Aug;29(8):2235-43. doi: 10.1007/s00464-014-3931-x. Epub 2014 Oct 16. PMID: 25318372.

Vlach HA, Sandhofer CM. Distributing learning over time: the spacing effect in children’s acquisition and generalization of science concepts. Child Dev. 2012 Jul-Aug;83(4):1137-44. doi: 10.1111/j.1467-8624.2012.01781.x. Epub 2012 May 22. PMID: 22616822; PMCID: PMC3399982.

Wolfson College Cambridge (2020) “Memory skills for revision”, Wolfson College Cambridge  02.03.20. https://www.wolfson.cam.ac.uk/about/news/academic-skills-blog-memory-skills-revision. Accessed: 10.05.2023

Zhan L, Guo D, Chen G, Yang J. Effects of Repetition Learning on Associative Recognition Over Time: Role of the Hippocampus and Prefrontal Cortex. Front Hum Neurosci. 2018 Jul 11; 12: 277. doi: 10.3389/fnhum.2018.00277. PMID: 30050418; PMCID: PMC6050388.

LEGGI ANCHE

Nina De Franco
Author

Nina De Franco

Regional Head of Veterinary Studies, The College of Animal Welfare, United Kingdom View all Posts

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter

Tutte le notizie SIM, direttamente sulla tua email.
Ricevi mensilmente le migliori ricerche, innovazioni e storie sulla simulazione sanitaria

Join our newsletter