Shop

Perdere per vincere: tre modi in cui la simulazione può aiutarti a raggiungere l’eccellenza nella sanità

Redazione SIMZINE
Cite Perdere per vincere: tre modi in cui la simulazione può aiutarti a raggiungere l’eccellenza nella sanità icon
Share Perdere per vincere: tre modi in cui la simulazione può aiutarti a raggiungere l’eccellenza nella sanità icon
$title

La simulazione permette di sbagliare in sicurezza, promuovendo l’apprendimento senza danni per il paziente. Laerdal Medical evidenzia tre priorità: formazione basata sulle competenze, debriefing efficace e miglioramento continuo della qualità, il tutto potenziato dal suo sistema SimCapture e dai suoi simulatori avanzati, per promuovere una forza lavoro sanitaria resiliente e competente. Leggi l’articolo per saperne di più

DOI: https://doi.org/10.69079/simzine.H24.n14.0007

Advertorial

“Allenati come se non avessi mai vinto. Gioca come se non avessi mai perso”.  Questo assioma vincente è attribuito all’icona mondiale del basket Michael Jordan. Ed è applicabile al raggiungimento dell’eccellenza nell’assistenza sanitaria così come al raggiungimento della distinzione nello sport professionistico. Universalmente, il raggiungimento dell’eccellenza richiede un equilibrio unico tra umiltà (esercitarsi come se non si fosse mai vinto) e fiducia in se stessi (giocare come se non si fosse mai perso). Questo equilibrio tra umiltà e fiducia è ciò che alimenta il ciclo di apprendimento continuo e porta a prestazioni superiori. 

Ma perché perdere per vincere? Sembra un po’ troppo severo, no?  

Non è affatto così! Il vantaggio della simulazione è che permette di fallire in un ambiente sicuro e di supporto.  Sotto la guida di docenti esperti, il fallimento offre agli studenti l’opportunità di decostruire le proprie azioni e di imparare da esse. Nessun paziente viene ferito. E grazie alla loro comprensione, i discenti possono acquisire fiducia in se stessi quando entrano nella pratica.

Tra le numerose aree su cui Laerdal Medical si concentra, tre sono particolarmente rilevanti per la riunione di quest’anno della Society for Simulation in Europe. Ognuna di esse offre l’opportunità di distinguere la tua organizzazione nel perseguimento del tema di quest’anno, l’eccellenza sanitaria.

Priorità di eccellenza 1: Formazione basata sulle competenze

A livello globale, l’assistenza sanitaria sta vivendo una crisi di competenze.  Sì, c’è una carenza di operatori. Ma c’è anche accordo sul fatto che troppi studenti entrano nella forza lavoro (o entrano in nuovi ruoli) non pronti a mostrare le “conoscenze, attitudini, motivazioni, percezioni di sé e abilità” che equivalgono alla competenza. 

Soprattutto tra i nuovi infermieri, questo ha portato allo scoraggiamento e a tassi di abbandono record al primo anno. Un tema comune è che durante la formazione le loro competenze sono state raramente valutate. Non è stata data loro la minima possibilità di “perdere” per poter imparare cosa serve per vincere.

Il sistema SimCapture di Laerdal offre agli educatori e alle istituzioni la struttura e la capacità di garantire le competenze attraverso valutazioni formative e sommative.   SimCapture è un sistema digitale che combina software, struttura del corso e riproduzione video in modo da garantire l’obiettività, l’accuratezza e l’impatto sull’apprendimento delle valutazioni. Se vuoi infondere competenza nei tuoi studenti, SimCapture può aiutarti a garantire i risultati.

Priorità di eccellenza 2. L’arte e la scienza del debriefing

“Fai il debriefing come se la vita del tuo prossimo paziente dipendesse da questo”. Questo è quanto ci ha detto un chirurgo cardiotoracico.  Gli esperti sono generalmente d’accordo: il debriefing è il luogo in cui si impara. Ed è il luogo in cui il viaggio verso l’eccellenza diventa diretto. Il debriefing offre agli allievi l’opportunità di analizzare e comprendere le loro prestazioni, di identificare le aree di miglioramento e di affinare le loro capacità di pensiero critico.

Così come il sistema SimCapture di Laerdal è adatto per le valutazioni, è ideale per facilitare il debriefing. SimCapture permette agli studenti di decostruire i dettagli delle loro prestazioni in modo preciso. Inoltre, consente agli educatori di concentrarsi sui fattori di prestazione da migliorare e su quelli da mantenere.

La scelta del simulatore per il debriefing è fondamentale. Hai mai avuto difficoltà a scegliere il simulatore giusto? Considera di basare la tua scelta sui fattori di prestazione che vuoi sottoporre a debriefing e su quale simulatore permetterà ai tuoi allievi di fallire potenzialmente per poter vincere in seguito. 

Se vuoi fare il debriefing su uno scenario complesso o ad alto rischio, ad esempio, simulatori come il nuovo SimMan Critical Care di Laerdal (assistenza respiratoria avanzata), MamaAnne (in arrivo per l’assistenza materna) e SimMan 3G PLUS (assistenza d’emergenza complessa) sono tra i tanti simulatori Laerdal che porteranno a ricche discussioni di debriefing basate su sfide cliniche realistiche. Se sei più interessato a scenari meno impegnativi, Laerdal offre simulatori e allenatori di abilità anche per queste situazioni.

Priorità di eccellenza 3. Miglioramento continuo della qualità

Il miglioramento continuo della qualità (CQI) è la nuova frontiera della simulazione.  Nella ricerca dell’eccellenza sanitaria, la CQI è l’ambito in cui la simulazione può avere un impatto non solo sui risultati dei pazienti, ma anche sull’efficienza delle cure e sui costi dell’intero sistema.

L’obiettivo della CQI è raggiungere l’eccellenza perfezionando continuamente i processi e i sistemi che determinano i risultati dell’organizzazione. Per sua stessa natura, la CQI è un approccio strutturato per “Allenati come se non avessi mai vinto. Gioca come se non avessi mai perso”.  Gli ospedali di maggior successo al mondo hanno una cultura di CQI. 

Nel settore sanitario, la CQI utilizza la simulazione per riprodurre eventi e testare miglioramenti in un ambiente sicuro. È qui che il simulatore giusto è fondamentale. Considera un evento avverso di assistenza critica in cui un paziente contrae una polmonite acquisita in ospedale (HAP). Ti servirà un simulatore come SimMan Critical Care in grado di riprodurre le condizioni del paziente. Potrai quindi utilizzare la simulazione per analizzare le competenze e i protocolli del tuo staff e imparare a migliorare l’assistenza per il futuro.

Questo funziona anche per le competenze fondamentali.  L’addestramento alla rianimazione cardiopolmonare (RCP) rappresenta una grande sfida di qualità per l’assistenza sanitaria. Il Programma di Miglioramento della Qualità della Rianimazione (RQI) di Laerdal consente alle istituzioni di implementare un’attività di formazione autogestita tra le varie organizzazioni che riduce al minimo i costi, massimizza i risultati e supporta una vera e propria cultura della CQI. 

Il nostro desiderio per te

L’attenzione di Laerdal per la formazione basata sulle competenze, per un debriefing efficace e per il miglioramento continuo della qualità, sottolinea il potenziale della simulazione nell’influenzare profondamente l’eccellenza nell’assistenza sanitaria. Consentendo agli operatori sanitari di fallire in modo sicuro, di imparare in modo critico e di applicare le conoscenze con fiducia, la simulazione agisce da catalizzatore per la formazione di una forza lavoro sanitaria resiliente e competente. 

Il nostro augurio per te? Che la tua organizzazione abbia l’opportunità di esercitarsi come se non avesse mai vinto… e di esibirsi come se non avesse mai perso!

Laerdal può aiutarti. Contatta il tuo rappresentante locale Laerdal e consulta le nostre numerose risorse sui social media e sul sito www.laerdal.com.

LEGGI ANCHE

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter

Tutte le notizie SIM, direttamente sulla tua email.
Ricevi mensilmente le migliori ricerche, innovazioni e storie sulla simulazione sanitaria

Join our newsletter